lunedì 21 ottobre 2013

Pane alle patate ed altre considerazioni




Non rinunciare.
Questa sarebbe la mia risposta se mi chiedessero di rinunciare al PANE.
Magari, se fosse una questione di vitale importanza, se ne andasse della mia salute, lo eliminerei, ma non sarebbe una passeggiata.
Ma siccome ad oggi il mio fisico con il pane ci va più che d'accordo, non solo non ne abbandono il suo consumo, ma lo glorifico con la ricetta seguente.

Una bella e buona ricetta, il pane alle patate.

Io consiglio di provarlo a replicare a casa perchè è buono.
Lo so che lo dico di ogni ricetta, ma come potrei postare ricette che non sono buone o che non ho provato personalmente.

Pensate quanto poco seria potrei essere se scrivessi, fate questa ricetta e poi vi aggiungessi " non è un granchè, ma se avete tempo da perdere, perchè non sprecate un pochino di ingredienti e di tempo", oppure potrei anche scrivere "la ricetta è pessima, il risultato mediocre, quindi se la preparate per una cena con gli amici farete una terribile figura, ma tornate a visitare questo blog".
Quindi quando posterò una ricetta, vi scriverò sempre che è buona e che vi consiglio vivamente di provarla.

Ed ecco a voi la ricetta, e buona lettura.

450 gr. Farina 0 
150 gr. Patate
15 gr. Di lievito di birra ( io uso il lievito della natural food)
Acqua q.b. ( e' il tipo di patate che determina l'uso minore o maggiore di acqua)
10 gr.di sale 

Lessare le patate con la buccia ( mi raccomando prima lavatele benissimo). Una volta lessate, procedere a scolarle e passarle con lo schiacciapatate e lasciarle intiepidire un pochino.
Mettere le patate passate nella ciotola della planetaria ed unire la farina, il lievito sciolto con un pochino di acqua tiepida ed iniziare a far lavorare la macchina.
Aggiungere l'acqua tiepida fino ad ottenere un impasto omogeneo ed elastico.
Aggiungere il sale e far lavorare ancora la macchina.
Togliere l'impasto e mettere a lievitare lontano dagli spifferi fino al raddoppio.
Quando l'impasto e' raddoppiato fare dei panini da circa 120-130 gr. Cadauno.
Metterli a lievitare ancora per circa 40 minuti su una teglia ricoperta da carta forno, avendo l'accortezza di tenerli distanziati per evitare che crescendo si tocchino.
Accendere il forno a 180 gradi,e una volta raggiunta la temperatura, informare i panini.
Io prima di infornare ho inciso la parte superiore con la lama di un coltello una croce, secondo me li ha resi più belli dopo la cottura.

Nota: io tengo sempre uno spruzzino con dell'acqua. Quando il forno arriva in temperatura, vi spruzzo dentro l'acqua in abbondanza, metto il mio impasto lievitato e chiudo il forno.
Si creerà il vapore sufficiente a far si che il pane resti leggero e fragrante.

Nessun commento:

Posta un commento