sabato 18 ottobre 2014

Consigli per i muffins

Ormai a casa mia si sono rassegnati: mi piace fare i muffin! E ormai praticamente li mangio solo io, e per evitare sprechi ho imparato a congelarli e tirarli fuori la freezer la sera per poi farci un’ottima colazione, metodo che consiglio vivamente. Così infatti si evita l’abbuffata di un giorno e ci si assicura un’ottima colazione per un po’ di tempo.
Facendo spesso muffin, però, mi ritrovo a vagare con la mente per ipotizzare nuove ricette, molte delle quali le boccio immediatamente dopo averle concepite, ma alcune meritano di essere sperimentate.
Sabato scorso, dopo una deludente giornata, è stato il giorno perfetto per fare i miei esperimenti. Così ho acceso la musica in cucina e ho iniziato ad amalgamare gli ingredienti della ricetta per i muffin che ho già utilizzato altre volte. Dopo aver soddisfatto una piccola ordinazione di muffin con il cuore di marmellata di fragole, ho dato il via alle sperimentazioni.
La prima idea da saggiare erano i muffin salati. L’idea su come farli è venuta a me e a mio fratello un pomeriggio questa estate, mentre facevamo un giro sulla pista ciclabile intorno al lago (abbiamo poi scoperto che esistono già ricette simili, ma per qualche tempo ci siamo goduti il nostro momento di celebrità). Mentre pedalavamo, vagheggiavamo sui vari ingredienti possibili da inserire in un muffin, anche perché ce ne eravamo portati uno ciascuno per fare una deliziosa merenda a metà percorso. L’idea migliore che ne è uscita è stata quella di inserire nei muffin formaggio e prosciutto. Purtroppo sabato non avevo il prosciutto da tagliuzzare ed inserire nell’impasto, però avevo il formaggio da utilizzare come cuore. Penso che fosse Fontal, ma credo sia utilizzabile ogni tipo di formaggio, a seconda dei gusti personali.
L’ho tagliato a cubetti e l’ho inserito nella formina riempita a metà dall’impasto e poi l’ho ricoperto con altro impasto. Il risultato finale è stato ottimo. Il formaggio si è sciolto, formando un cuore e permeando una piccola parte dell’impasto. L’unica cosa che non mi ha soddisfatto è stato il gusto del formaggio, che secondo me è troppo forte per un muffin, la prossima volta, quindi, ne utilizzerò un altro.
Il secondo esperimento, invece, nasce dal fatto che in generale non amo i cibi che hanno gusti diversi in parti diverse. Mi piacciono invece i cibi omogenei o al massimo con piccole parti di un gusto diverso, parti che si mischiano però in un solo morso, come le gocce di cioccolato. Ho pensato così alla possibilità di rendere più omogeneo il cuore alla marmellata dei muffin. Armata di cucchiaino, quindi, dopo aver versato fino a metà formina l’impasto, ho posizionato la marmellata al solito posto, l’ho ricoperta con poco altro impasto e infine ho dato una veloce mescolata al tutto, dal basso verso l’alto. Bisogna mescolare poco, per evitare che la marmellata si sciolga totalmente nell’impasto, diffondendo troppo il suo sapore. La mia idea originale era di ottenere un effetto marmorizzato, ma purtroppo visivamente l’effetto non è stato quello.
Il gusto invece è stato molto soddisfacente, la marmellata, infatti, si sentiva nella maggior parte dell’impasto, e non solo vicino al centro. Rispetto ai normali muffin con il cuore, però, è necessario mettere più marmellata, perché appunto viene distribuita in tutta la formina.
Per questi due esperimenti posso dirmi soddisfatta, anche se dovrò riprovare i muffin salati, mettendo anche il prosciutto. Prima di allora, però, ci gusteremo questi muffin, che sono già stati apprezzati molto.
Alla prossima sperimentazione…
Fabi

Nessun commento:

Posta un commento