martedì 25 novembre 2014

GNOCCHI DI PATATE E ZUCCA


Questa non è una pasta veloce, ma è una pasta buonissima e questo ripaga del tempo.
Io devo ammettere che gli gnocchi sono uno dei mie piatti preferiti, anche se sono un pochino schizzinosa nei confronti di quelli industriali; raramente li compro, preferisco quelli fatti in casa e se mi capita di mangiarli in un ristorante chiedo sempre se sono freschi o industriali.
Perdonatemi, ma ognuno ha le sue fisse.
Quindi alla luce di tutto ciò, mi sono accorta che non ho mai scritto un post sugli gnocchi ed eccomi qui a farlo.
So che sul web ci sono tantissime ricette degli gnocchi, che con l'uovo, chi con il parmiggiano...i miei sono semplici.
Solo farina e patata e zucca; credo che in generale la semplicità paghi e se proprio li volete elaborati conditeli con un sugo ricco.

Dopo questa premessa a voi la ricetta.

Ricetta per 2 persone amanti degli gnocchi + 1 topo di casa

500 gr patate
200 gr zucca al netto
300 gr farina 0 circa

condimento a piacere (nella foto vedete un semplice sugo di pomodoro)






Lessare le patate senza togliere la buccia, fino a quando saranno cotte.
Per sapere se le patate sono cotte, basta infilare una forchetta, se i rebbi entreranno facilmente fino al cuore le nostre patate sono belle che pronte.
Non do i tempi perchè dipende dal tipo di patate che usate, dalla grandezza, quindi in questo frangente dovrete regolarvi da soli.
Toglietele dall'acqua e lasciatele intiepidire prima di sbucciarle, pena ustione alle dita.
Mentre lessate lessate le patate, prendete la zucca pulitela, fatela a cubi e cuocetela a vapore fino a quando non sarà cotta.

A questo punto avrete la zucca cotta e le patate sbucciate ed intiepidite; prendete entrambi gli ingredienti e schiacciateli con lo schiacciapatate dentro una ciotola.
Aggiungete la farina e cominciate ad impastare con le mani, fino ad ottenere un impasto morbido, ma sodo.
Io uso indicativamente metà del peso delle patate e zucche in farina, ma la dose è da valutare al fine di ottenere un impasto morbido, ma lavorabile per ottenere gli gnocchi.
Rovesciare l'impasto sul piano di lavoro ed impastare per avere un bel panetto morbido ma compatto.
Spezzare l'impasto in 4/5 porzioni e stenderlo con le mani per ottenere dei filoncini di circa 2 cm di diametro.
Tagliare con il coltello ogni 3 o 4 cm.
Se avete lo strumento per fare le righe agli gnocchi, infarinatelo e procedete a creare lo gnocco trascinando il "bocconcino" sul "rigagnocchi" con il pollice; otterrete una "cupola" con il dentro leggermente infossato e l'esterno rigato.
Se non avete lo strumentino adatto, fate la stessa operazione usando i rebbi di una forchetta che avrete infarinato leggermente.
Procedete così fino a finire l'impasto; le prime volte vi sembrerà di non finire mai, ma con la pratica diventerete super veloci.

Per la cottura, portare ad ebollizione in una pentola abbastanza capace dell'acqua precedentemente salata a cui aggiungete proprio pochissimo olio evo (servirà a non far attaccare gli gnocchi durante la cottura), mettete gli gnocchi su una schiumarola ed immergetela nell'acqua bollente.
Quando verranno a galla saranno pronti.
Naturalmente, nella cottura dovrete usare un pò di accortezza, non li potrete cuocere tutti insieme , ma al massimo una decina alla volta.
Quindi anche questa operazione richiederà un pò di tempo e pazienza.
Mano mano che verranno a galla e quindi saranno cotti toglieteli con la schiumarola, lasciandoli scolare sulla pentola e poi versateli dentro il vostro condimento.

Ammetto che è gli gnocchi sono un pochino laboriosi, ma il sapore vi ripagherà di tutto il tempo che avrete dedicato alla preparazione.

Per dubbi o consigli o per farmi sapere anche solo com'è andata io sono qui.

Nessun commento:

Posta un commento