sabato 23 gennaio 2016

CROSTATA CON MARMELLATA DI ALBICOCCHE E MELE







Amo i viaggi in treno.
Non quelli da pendolari, ma gli altri.
Trovo che nei viaggi in treno ci sia qualcosa di poetico, il viaggio che ti avvicina ad un posto, il desiderio dell'arrivo, della visita e quella sottile nostalgia quando riparti da quel posto; il viaggio del ritorno, quello che ti lasci indietro, le cose belle che hai visto, il pensiero di quando sarà possibile rivivere la stessa emozione.
E stai così con la testa appoggiata al vetro a vedere i paesaggi che scorrono davanti ai tuoi occhi, le varie stazioni che attraversi, alcune nuove e tecnologiche ed altre più vecchie leggermente abbandonate a loro stesse e lasci che i tuoi pensieri scorrano insieme ai chilometri che il treno macina per portarti vicino o lontano.
Dei viaggi in treno ho tanti ricordi, ricordo di libri che solo in treno potevo leggere, perché non avevo diversivi, di chiacchiere con gente che non conoscevo, di sguardi fugaci ai cellulari e tablet degli altri per vedere cosa mai facessero.
I miei preferiti sono i distinti uomini d'affari che poi se gli butti l'occhio sul tablet ecco che giocano con uno di quei giochini dai colori sgargianti e con palline che cadono a profusione e che avendo la suoneria al minimo almeno ti sei risparmiata dall'insieme assordante delle note.
E poi arrivi in stazione e scendi con il tuo bagaglio, ti guardi intorno e se una parte di te ripensa al prossimo viaggio un altra parte desidera tanto tornare a casa e riprendere possesso dei propri spazi.

Ed i vostri di viaggi in treno come sono?


INGREDIENTI

pasta frolla per una teglia da 26 cm

220 gr di farina
120 gr burro ammorbidito
70 gr zucchero
1 uovo
La scorza di un limone bio grattugiata

Per il ripieno
150 gr di marmellata di albicocche
2 mele tagliate a fettine sottili
1 cucchiaio di zucchero di canna

Per la pasta frolla
 Versare la farina ben setacciata in una planetaria ed unire il burro tagliato a tocchetti e far partire la macchina, aggiungere subito dopo lo zucchero, la scorza di un limone grattugiata e l'uovo ed amalgamare il tutto fino a quando non si ottiene una palla bella elastica.
Stendere leggermente su un foglio di carta forno e poi lasciar riposare in frigo per una trentina di minuti
Passato questo tempo stendere la pasta su un foglio di carta forno ed adagiarlo in una teglia.
Forare leggermente il fondo e ricoprire con uno strato generoso di marmellata di albicocche.
Disporre le fette di mele a rondelle, come da foto o come preferite.
Cospargere con un cucchiaio di zucchero di canna, le renderà caramellate in cottura ed infornare a 180 gradi in forni già riscaldato per circa 30 minuti o fini a quando il bordo della frolla non vi se,Brera ben dorato.

Buon appetito. 




lunedì 18 gennaio 2016

BISCOTTI DI FROLLA A "GIRANDOLA"

BISCOTTI DI FROLLA A "GIRANDOLA"



Il 2016 è all'insegna del caos e della distrazione.

Perdo post, cose, appuntamenti insomma per essere ancora a gennaio l'anno promette faville.
Ed a questo devo aggiungere che rompo cose solo a toccarle, il bilancio di questo week-end è un barattolo ed una tazza; sebbene sia sicura che posso dare di meglio, staremo a vedere a febbraio ed i mesi successivi in cosa riuscirò a stupirvi.

Ma tornando alle cose che perdo, il post relativo alla ricetta di oggi non solo l'ho perso, ma doveva essere talmente interessante che ne ho anche dimenticato il contenuto.

Ma per paura di perdere anche il filo ed il segno di tutto, bando ad indugi e vi lascio la ricetta, così potete correre in cucina a fare questi buonissimi e bellissimi biscotti.

La ricetta viene da questo libro, che se non avete mai visto o comprato il mio consiglio è di farlo; al di là delle splendide foto ci sono tante ricette carine.



BISCOTTI DI FROLLA A "GIRANDOLA"

250 gr. farina
50gr. di cacao amaro
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
120 gr. di zucchero
125 gr. di burro
2 uova

Siccome avremo due frolle, separare gli ingredienti in due ciotole come segue:

FROLLA CLASSICA: 150 gr. di farina, 1/4 di cucchiaini di lievito, 60 gr. di zucchero, un uovo e metà della quantità di burro richiesta
FROLLA AL CACAO:  100 gr. di farina, 50 gr. cacao amaro, 1/4 di cucchiaini di lievito, 60 gr. di zucchero, un uovo e metà della quantità di burro richiesta

Impastare gli ingredienti di ciascuna ciotola fino ad ottenere una palla.
Su un piano di lavoro appena infarinato stendere le due frolle separatamente e poi sovrapporre e arrotolarle su loro stesse fino ad ottenere un rotolo.
Prendere il rotolo, avvolgerlo nella pellicola e far riposare in frigo fino a quando il composto non sarà ben solido (ci vorrà circa 40 minuti)
A questo punto accendere il forno a 180 gradi e foderare una teglia con la carte forno.
Prendere il rotolo con le frolle e tagliare dei biscotti di circa 1 centimetro e rovesciarli sulla teglia.
Inforna per circa 10-12 minuti, vale sempre la regola che i biscotti vanno controllati perché è un attimo che si bruciano.

Buona merenda

venerdì 1 gennaio 2016

Plumcake allo yogurt e cioccolato bianco ed il primo post del #2016


Innanzitutto spero che abbiate iniziato l'anno nel migliore dei modi.
Io non amo particolarmente i Capodanno, mi fa tristezza buttare tutto l'anno vecchio in funzione dell'anno nuovo; mi da l'idea che sia una cosa "ingrata".
Magari per alcuni di voi, il 2015 non è stato l'anno top, ma io non mi posso lamentare.
E' stato un anno mesto, tranquillo senza particolari scossoni, ma quieto e sereno; insomma non intenso ed esplosivo come i fuochi artificiali, ma con la bellezza di una giornata di sole.
Cosa mi aspetto dal 2016?
In generale, non ho mai particolari aspettative, per me il futuro si costruisce giorno per giorno e non con la "sorpresa" che arriva da chissà dove, quindi di seguito non scriverò quello che mi aspetto, ma quello che voglio fare io per me, per la mia famiglia e per gli altri.
1. Cercare di vivere in modo più eco-friendly possibile. Insomma, lo sappiamo tutti che l'ambiente non se la passa troppo bene, e se ognuno di noi nel suo piccolo cercasse di correggere attegiamenti sbagliati tutta la comunità ne gioverebbe.
2. Volere bene agli altri, ma non solo a parole, ma con fatti reali. Invece di dire "quasi quasi la chiamo domani" mi sforzo di farlo oggi ed invece di dire " se vuoi ti do una mano", do una mano davvero. Cercherò di essere più concreta.
3. Fare davvero un pochino di sport con costanza, anche se non è colpa mia. Io non mi affeziono allo sport, ma a chi me lo insegna, e se la mia insegnante di Pilates non lo insegna più e se la mia insegnante di Total Barre è andata a vivere a Londra, insomma ci sta che io mi senta un pò smarrita.
Siccome non credo in lista di mille buoni propositi, anche perchè ogni anno lo faccio e ne mantengo troppo pochi, ho veramente deciso di ridurre tutto ad un sintetico ma esaustivo tre di tre.
Ed i vostri propositi?
Raccontateli pure.
La ricetta di oggi è dolce e delicata, che il 2016 inizi con una dolce ed elegante colazione.


PLUM CAKE ALLO YOUGURT CON CIOCCOLATO BIANCO
100 gr di zucchero bianco
70 gr di zucchero di canna
150 gr farina 00
50 gr di amido di mais
50 gr. di burro
250 gr. yougurt alla vaniglia
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
50 gr. di cioccolato bianco ridotto in scaglie con il coltello
Accendere il forno a 180 gradi.
In una ciotola montare con le fruste elettriche le uova con i due tipi di zucchero, fino a quando il composto non sarà bello spumoso ed a questo punto aggiungere lo yogurt alla vaniglia e il burro precedentemente fuso (fare attenzione che sia tiepido e non caldo) e mescolare fino a che tutti gli ingredienti non siano ben amalgamati.
A questo punto setacciare le due farine ed la bustina del lievito insieme ed unirlo al composto degli altri ingredienti ed amalgamare bene facendo attenzione che non si formino i grumi.
Una volta che l'impasto è ben amalgamato aggiungere le scaglie di cioccolato bianco precedentemente ridotte a coltello ed infornare per 40 minuti.
Naturalmente controllate la cottura e vale sempre la regola dello stecchino e considerate che i tempi di cottura variano comunque da forno a forno.
Buona Anno e che ogni giorno sia fatto di splendide colazioni fatte in casa.