giovedì 19 dicembre 2013

Decalogo del Natale






Dio: Sei stato all'altezza! Hai cambiato il mondo!
Evan: No, non è vero!
Dio: No? Vediamo... Passi più tempo con la famiglia, li hai resi più felici, hai dato una casa a quel cane!
Evan: Va bene, e allora?
Dio: Allora? Come si cambia il mondo?
Evan: Con un atto di reale e cortese affetto alla volta!
Dio: Con un Atto, di Reale, e Cortese, Affetto. ARCA.

( dal film "Un'impresa da Dio")


DECALOGO PER ARRIVARE INCOLUMI AL NATALE    

Non mancano pochi giorni al Natale, ma non ne mancano neanche troppi. e se come tutti siete alle prese con i regali, le idee che mancano e tante altre cose, ecco a voi un decalogo che non risolverà i problemi, ma che magari vi farà ridere un pochino.

1. Per arrivare al Natale senza ansia, fate una bella lista con le persone a cui dovete fare dei regali e poi perdetela. Tanto le persone della lista non saranno mai tutte quelle a cui davvero dovete fare un presente, qualcuna ve la sarete dimenticata e spunterà puntualmente un giorno prima di Natale e voi non saprete cosa regalarle. 

2. Concentratevi su un "tema regalo". Decidete che il tema del Natale sarà i libri e lanciatevi alla ricerca di diversi libri che possono piacere e procedete all'acquisto. Se avete poco tempo concentrare tutti gli acquisti in un solo posto, potrebbe essere conveniente.
Un anno il mio tema fu "Teglie & Farina". Regalai a tutti teglie per pizza o biscotti e poi andai in un mulino a comprare graziosi sacchi di farina per tutti.
Lo so che il rischio che tutti si trovino con lo stesso regalo, ma se siete sportivi e la sapete presentare bene potreste uscirne come degli idoli agli occhi degli altri.

3. Siate giusti nei regali. Se fate un regalo alla coppia che magari vive insieme, non fate un pensiero supercarino a lei, perchè in quanto donna offre una gamma di regalo molto ampia e vi riducete a fare una sciarpa o un paio di calze a lui, giusto perchè non potete presentarvi a mani vuote. Il mio consiglio: regalate qualcosa per la casa o magari un pacchetto benessere da fare insieme. 

4. Siate semplici nei regali. Sottolineo semplici e non banali o sciatti. Regalate qualcosa di carino e discreto, non sempre i regali di Natale devono per forza far ridere (la biancheria commestibilie meglio lasciarla all'addio al nubilato/celibato o qualche altra festa goliardica), o essere incomprensibile (cosa c'è di peggio dello sguardo di chi riceve il regalo e fissandovi sbalordito non capisce cosa gli abbiate regalato).

5. I regali home-made: SI sempre SI assolutamente SI. Ma se non avete mai fatto decoupage non vi lanciate a fare questo lavoro proprio per i regali di Natale con il rischio di ottenere indegni pastrocchi. Se non avete dimestichezza con le marmellate, non siete costrette ad avventurarvi fra barattoli e frutta proprio per i regali di Natale (pesche, albicocche ed altra frutta per la marmellata non si trovano a dicembre). Lo stress non paga e sprecare tempo per non essere neanche ricompensati dalla gioia e dallo stupore delle persone non è certo di aiuto alla vostra autostima.

6. Le cosine da mangiare: SI anche quelle secondo me sono sempre carine, magari handmade; splendidi sacchettini con i biscotti e altre cosine da mangiare fatte da voi. In questo caso, non bisogna essere dei supercuochi per arrabbattarsi a fare un paio di teglie dei biscotti. Basta credere in se stesse.
Ma se non volete pasticciare in cucina, potete affidarvi a prodotti già confezionati.
Non comprate cestini già fatti, magari potete comprare dei cestini carini e poi scegliere voi i prodotti che più vi piacciono.
Che ne dite di fare un cestino con le cose per la colazione? Se sì, via scatole di biscotti, bustine di te, barattoli di miele e magari confezioni di caffè e zucchero di canna. Per l'amica vegetariana? Un bel sacchetto di tessuto con dentro legumi secchi, selezione di zuppa...insomma non i cestini convenzionali, ma cestini ad hoc.

7.Accompagnate i regali con i biglietti. Si lo so che è stupido da scrivere, ma spesso nella fretta si fanno i pacchetti, certi che la nostra memoria non farà cilecca, ed invece prendendoli in mano puntualmente ci dimenticheremo cosa c'è nascosto sotto la carta con agrifogli e stelle di Natale.
Quindi corredate ogni regalo da un biglietto, che indichi destinatario e scriviamo anche che siamo noi che lo facciamo.

8. I regali tecnologici: se avete come me un fratello supertecnologico, che non vive in una casa, ma in una sede distaccata del MIT, dove ci sono più spie luminosi di aggeggi elettronici che scarpe nel vostro guardaroba, non comprategli nulla di libero arbitrio, fatevi girare, come ho fatto io, il link di Amazon di quello che vuole e procedete ad inoltrare l'ordine.

9. Dieci consigli sono davvero tanti, non so se ho abbastanza spunti per finire questo decalogo, ma se siete arrivati qui senza dormire o senza chiudere il post, salto il nono e passo direttamente al decimo ed ultimo.

10. Questo post non vuole essere un manuale, non ho aspirazione a sapere e conoscere tutto, vuole essere una lettura leggere sul tema Natale & Co.
Prendete la vita con leggerezza, non sempre farete regali che stupiranno gli altri e spesso riceverete cose lontane dal vostro gusto, ma siate comunque felici di donare. Togliere del tempo al nostro ingombrante IO per dedicarsi agli altri è un atto di amore.
Quindi a Natale, più che mai siate generosi.

Questo post non vale come auguri, quello arriverà a suo tempo, prometto che non mi dimenticherò di scriverlo.



martedì 3 dicembre 2013

Biscotti di Natale alla cannella





the food blogger.

Si lo so che sono una categoria inflazionata, brutalmente inflazionata e che spesso in molte si fregiano di un titolo che non le appartiene.
Io vorrei far notare che ho specificato "aspirante", questo perchè so che è un percorso lungo e tortuoso.
Ma ciò non toglie che io ami le food blogger, le mie preferite?
Prima di tutte Csaba Dalla Zorza, ho molti dei suoi  libri, ed a volte anche solo sfogliarli mi mette un vero e proprio stato di serenità misto a desiderio di volersi migliorare sempre di più.

E quindi la ricetta di oggi oltre a celebrare una delle mie foodblogger (anche se penso che per lei sia un termine riduttivo) preferite fa da inaugurazione al mese di dicembre, mese speciale in cui cade Natale.

E quindi se siete a corto di idee per i regali di Natale, oppure avete pochi soldini da spendere in regali, realizzate questi biscotti, metteteli in un sacchettino carino e regalatene ad amici e parenti.
Il senso del Natale spesso è nel donare anche solo le cose più semplici e non per forza fare regali super costosi, meglio qualcosa di semplice, ma fatto da voi.

La ricetta viene dalla trasmissione dello scorso anno "merry christmas con Csaba" trasmessa da Real Time

Biscotti alla cannella
per circa 750 g di pasta (50-70 pezzi)
180 g di zucchero di canna grezzo
55 g di zucchero semolato
180 g di burro
10 g di cannella in polvere
1 uovo piccolo (45 g)
10 ml di latte intero fresco
375 g di farina
5 g di lievito chimico
Lavora i due tipi di zucchero con un mixer insieme al burro e alla cannella. Unisci poi l’uovo (leggermente sbattuto) e il latte, infine completa l’impasto aggiungendo la farina e il lievito chimico per dolci. Prendi l’impasto e avvolgilo in un pezzo di pellicola alimentare, poi fallo riposare 30 minuti in frigorifero. Al momento di preparare i biscotti, accendi il forno a 170°C e rivesti due teglie con della carta da forno.
Stendi l’impasto su un piano leggermente infarinato, usando un mattarello. Ritaglia i biscotti con gli stampini. Mettili sulle teglie a mano a mano che procedi, poi inforna a 170°C per circa 20 minuti. Toglili dalle placche con una spatola e falli raffreddare brevemente su una griglia.