venerdì 27 giugno 2014

Omaggio a Nigella - Muffins banana e cioccolato

Lo ammetto...mi piace Nigella!
Saltando il fatto che i suoi piatti sono ben lungi dall'essere dietetici,soprattutto i dolci in cui trionfano burro,panna e cioccolato,la ricetta dei muffins di seguito e' "relativamente" sana.

Provate a farli sono davvero buoni.

Inoltre, i muffins sono buoni e facili.l,impasto e' divertente perché da una parte si amalgamano gli ingredienti secchi e da una parte quelli liquidi e poi si uniscono.
Vengono sempre buoni anche se l'impasto, mentre lo lavorate sembrera' grumoso.
Abbiate fiducia.


MUFFINS BANANA E CIOCCOLATO

11/2 banana schiacciata
100gr.zucchero di canna (io ho messo 50 gr.bianco e 50 gr.di canna)
225 gr.di farina 00
125 ml.olio
2 uova
3 cucchiai di cacao amaro setacciato
1 cucchiaio di bicarbonato di sodio


Tagliate a pezzetti la banana e frullate la fino ad ottenere una purea (io la schiaccio con la forchetta).
Aggiungere alla banana l'olio, lo zucchero e le uova, mescolare ed amalgamare il tutto.
In una terrina a parte mescolare la farina,il bicarbonato ed il cacao e poi unite al resto degli ingredienti.
Versare il composto nelle formine da muffins e cuocere a 200 gradi circa per 15 minuti (io cuocio a 180 gradi,perché il mio forno tende a bruciare).
Spolverizzare con lo zucchero a velo.
Con questa dose a me ne vengono circa 12.




martedì 24 giugno 2014

Verdure al forno:facili e buone






VERDURE TAGLIATE



VERDURINE APPENA SFORNATE



Alzi la mano chi non ama le verdure grigliate?
Non vedo mani alzate e quindi suppongo che piacciano a tutti.
Alzi la mano chi invece ama grigliare le verdure, e non dico per se e per la dolce metà, ma per una notevole quantità di bocche fameliche?
Anche in questo caso, le mani alzate sono pochine.
Ammettiamolo, le tanto amate verdure grigliate sono un vero fastidio da fare, specie se lavorate, avete un bimbo piccolo, una casa nuova con giardino da curare, un lui che vi chiede continuamente dove sia quello e quell'altro, una gatta che passata da un alloggio ad una villetta approfitta di qualsiasi porta aperta per scappare fuori e costringervi all'inseguimento; le verdure grigliate vi tengono li inchiodate alla padella per tutta la durata di una partita dei mondiali, compresi l'intervallo e tutte le discussioni post partita.
Poi dicono alle donne che sono chicchierone...bah...su questo avrei da ridire visto che i commenti post partita durano più della partita stessa.

Io con questo sistema ho risolto tutto, vengono delle verdure che anche se non sono grigliate ma sono buonissime ugualmente.
Sono veloci da fare, versatili, nel senso che le potete mangiare da sole o versarle in una ciotola con del cous cous.

Io ho deciso che saranno le mie verdure dell'estate, le farò per tutta la stagione, anche perchè mentre loro si cuociono in forno, sai quante cose riesco a fare.
Magari ci scappa anche vedere la puntata di qualche telefilm.


Non ci sono dosi, ma solo semplici istruzioni, io vi do le dosi della mia teglia ma voi regolatevi di conseguenza

2 zucchine
1 melanzana
1 peperone (rosso o giallo a seconda dei gusti)
5 pomodorini tipo ciliegino
qualche foglia di basilico
qualche rametto di timo

Accendere il forno in modalità statica a 200 gradi.
Lavare bene le verdure e tagliarle per la lunghezza a bastoncini di un centimetro, qualora fossero troppo lunghe tagliarle a metà, eccetto i pomodori che saranno tagliati solo a metà.

Ricoprire una teglia con carta forno ed ungerla con un abbondante olio EVO e versare le verdure facendo attenzione che non si sovrappongono molto.
Salare, cospargere con le foglie di basilico ed i rametti di tiglio, mettere le metà dei pomodori sopra con la parte rotonda verso l'alto.
Coprire con un foglio di carta stagnola e infornare in forno per 20 minuti.
Passato questo tempo, mettere il forno in modalità ventilato, togliere il foglio di carta stagnola ed infornare per ulteriori 15 minuti.

Togliere dal forno e lasciar raffreddare. Sono buone sia fredde che tiepide.

domenica 22 giugno 2014

Dolcetti ricotta e cacao






Arriva l'estate e decidi che non accenderai più il forno, troppo caldo per sopravvivere in cucina con il forno acceso.
E poi arrivano le brutte giornate, in ambito meteorologico, le perturbazioni, e ti ritrovi con un cielo grigio sopra la testa che neanche se cerchi fra la mazzetta pantoni, riesci a trovare un riferimento per quel grigio.
Ed anche il tuo animo cambia, impercettibilmente, ma cambia.
Un sottile sentimento di nostalgia, quella tristezza, quel non so che; pensi alle passeggiate perse, ai pomeriggi in piscina ed al sole sulla pelle e ti mancano.
Hai bisogno che qualcosa ti conforti.
Non vedi più il forno come quel terribile nemico alla cui presenza sei prossima a scioglierti, ma come il mezzo per fare questi deliziosi dolcetti che ti donano un pò di sole anche nelle giornate di pioggia.
Inoltre, questi dolcetti sono leggeri, perchè hanno la ricotta, danno il buon umore grazie al cacao e poi basta prendere l'impasto e buttarlo a cucchiaiate sulla teglia e restano carini comunque.
Io la ricetta ve la lascio, decidete voi se usarla nei giorni di pioggia.


DOLCETTI RICOTTA E CACAO

120 g di ricotta fresca
1 uovo
130 g di zucchero
½ bicchiere di latte (io ne ho messo di più, fino ad avere un impasto bello sodo, ma non duro)
280 g di farina 0
1 bustina di lievito per dolci
1 cucchiaino di vanillina
3 cucchiai di cacao amaro in polvere
gocce di cioccolato q.b.

Preparazione:
Lavorate l’uovo con lo zucchero in una terrina e, quando otterrete una crema gonfia e spumosa, unite il lievito, il cacao, la vanillina e la farina setacciata.
Versate a filo il latte e, continuando a mescolare, incorporate la ricotta. Con il cucchiaio prendete poco impasto e versatelo su una teglia ricoperta da carta forno distanziandole uno dall'altro, conferendo loro la forma che più desiderate.

Infornate per 15-20 minuti a 190°C, sino a quando la superficie risulterà croccante e dorata. Sfornate i biscotti e fateli 

lunedì 16 giugno 2014

MUFFINS AI MIRTILLI (ricetta di Csaba dalla Zorza)






Parliamo dei muffins.
Ma quanto sono perfetti nella loro semplicità e, soprattutto, loro sì che sono dei dolci democratici.
Per carità, la torta è pomposa, seria con tutte le sue guarnizioni, con il fatto che oggi la fai quadrata, domani rotonda e se ti gira anche a cuore la puoi fare, ma tolto il momento della presentazione, i problemi del taglio.

Ma capita anche a voi la manfrina del taglio della torta.
Io ne sono stata sia vittima, in quanto produttrice della torta e sia testimone, quando erano altri ad averla fatta.
Tu posi il coltello sulla superficie della stessa e parte il primo: "Mi raccomando, piccola?" e con quel ditino si avvicina alla torta per indicarti l'ampiezza taglio.
E poi quello che ti dice " fai tu" e quando gliela consegni, ti guarda e replica: "Ma, tesoro, così grande?".
Poi quello che ti dice "Grande, perché la dividiamo nello stesso piatto" e dentro di te pensi" Magari, ho messo pochi piatti a tavola"
Dieci minuti dopo la torta è mutilata.
Coloro che te l'avevano chiesta piccola, si aggirano con la forchetta in posizione fiocina pronti a colpire la torta "per pareggiarla", a detta loro. La coppia "dividi-torta", che non per forza sono una lui ed una lei, ti chiedono il bis.
E a te sembra di non aver accontentato nessuno.

Ma i muffins, parliamo di queste meraviglie, sono diversi.
Un monumento all'inventore, che per me è la graziosa moglie di Mr. Muffin, cioè Mrs. Muffin, una gentile signora inglese che li preparava per portarli alle amiche per il tè ed evitare ogni settimana il dramma del taglio della torta.
Loro sono li, belli ed intonsi.
Uguali per tutti, democraticamente piccoli per chi ha tanta fame e democraticamente giganti per chi ne ha poca.
Non sono porzionabili ulteriormente.
E' dopo 10 minuti quelli non toccati sono ancora belli lì, sul loro piatto da portata.
Ed il giorno dopo sono belli e ti invogliano ancora a mangiarli, più della torta mutilata che ti guarda triste ed accasciata dal piatto di portata.

Questi sono deliziosi, la ricetta viene da " Il mondo di Csaba" ed anche lei è una garanzia di riuscita.
Non mi hanno mai deluso, e non deluderanno neanche voi.

185 gr farina integrale
150 gr farina 0
1 bustina di lievito
1 cucchiaio di cannella macinata
155 gr zucchero di canna
125 gr. yogurt magro
250 gr. latticello (se non l'avete 125 gr latte e 125 gr. yogurt)
2 uova leggermente sbattute
2 cucchiai di olio di girasole
400 gr. frutti di bosco (io ne ho messi meno, circa 150 gr. di mirtilli)


Preriscaldare il forno a 180 gradi.
In una teglia per muffins porre 12 pirottini di carta.
In una ciotola abbastanza capiente, setacciare le farine e cannella macinata
Unire lo zucchero di canna e mescolare velocemente, formando una fontana al centro.
In un'altra terrina versare uova leggermente sbattute. lo yogurt, l'olio e il latticello (o la soluzione yogurt e latte) e girare con un cucchiaio di legno.
Versare i liquidi nelle farine, girarli dolcemente ma non per troppo tempo.
Aggiungere a questo punto i frutti di bosco, ma molto delicatamente per non romperli eccessivamente.
Trasferire l'impasto nei pirottini e infornare in forno già caldo per 20 minuti.

lunedì 9 giugno 2014

Yogurt veramente cremoso homemade




E' arrivata l'estate.
Via le scarpe chiuse e vai di smalti colorati sui piedini da abbinare ai sandali graziosi che avevamo lasciato a settembre scorso e che non vedevamo l'ora di ritirare fuori.
E, magari, già che ci siamo possiamo accarezzare anche l'idea di comprare qualche sandalo in più.
E poi come non essere felici di mettere quel top color corallo, colore che in inverno non mettiamo proprio tanto.
E in tutto questo tripudio di colore e freschezza, anche la mia colazione ha bisogno di uno scossone.
Basta tè caldo e via di YOGURT.
E cosa c'è di meglio se è anche homemade.
A casa mia mangio solo io lo yogurt e devo ammettere che adoro fare colazione ed anche merenda, quando ho la possibilità di farla fra le mura domestiche, con questa delizioso prodottino.
E poi sta bene con i cereali, la frutta secca, la frutta fresca o anche da solo.
Vi rendete conto di quanto sia versatile?
Io lo preparo con una yogurtiera che mi è stata regalata, se volete la ricetta senza yogurtiera purtroppo non posso darvela.
Ma se avete una yogurtiera o la volete comprare provate questa ricetta, è l super collaudata e non tradisce mai.
Otterete uno yogurt molto cremoso e per nulla acido, che sarà una gioia per il palato.
Un'altra premessa, io lo yogurt lo faccio dolce, perchè mi piace mangiarlo a colazione, quindi non vi consiglio questa ricetta come accompagnamento ad un petto di pollo o come base per fare la maionese.
I risultati non sarebbero quelli sperati.

Il post è più lungo della ricetta

200 ml. panna fresca (si si quella del banco frigo)
800 ml. latte fresco intero *
40 gr di zucchero semolato
1 yogurt intero bianco (o biologico o con una lista ingredienti molto corta)
1 bacca di vaniglia **

Aprire il baccello di vaniglia e versare i semini nel pentolino insieme alla panna ed al latte fresco intero.
Accendere il gas e portare quasi a sfiorare il bollore; spegnere e versare lo zucchero e girare affinchè si sciolga
Lasciar raffreddare e quando sarà a temperatura ambiente versarlo in una brocca di vetro e versarvi dentro lo yogurt, anche lui tirato fuori dal frigo un pò prima affinchè sia anche lui a temperatura ambiente.
Girare con una piccola frusta affinchè lo yoghurt si amalgami con il resto e poi versare il tutto bei barattolini della yoghurtiera ed azionare il timer per 8-9 ore.
Quando il timer suonerà chiudete i barattoli con i relativi coperchi e aspettate un'oretta prima di riporli in frigo.
Aspettare almeno 8 ore prima di mangiarlo, sarà più buono e più denso.

**errore:lo zucchero è 40 grammi e non 400.
Scusatemi affezionati lettori

martedì 3 giugno 2014

Muffins di compleanno





Premetto che io ho una vera e propria idiosincrasia per i compleanni e specialmente per il mio.
Vi chiederete perchè. Beh, provate voi a nascere il 29 luglio e sperare di fare una festa di compleanno decente.
I miei amici dall'infanzia all'adolescenza o erano in viaggio e quindi al massimo rimediavo una telefonata ed un messaggio (all'epoca dei cellulari) con gli auguri o a volte ero in viaggio io, ma a seguito dei genitori e quindi anche in quel caso, nessuna festa.
Senza dimenticare coloro che presi dal fare le valigie, decidere il costume, selezionare i libri da portare in spiaggia si dimenticavano proprio di me, povera tapina che quel giorno, festeggiavo il mio compleanno.
Ho sempre invidiato quelli il cui compleanno cadeva durante il periodo scolastico. A loro si apriva un mondo di possibilità:
festa in classe con i compagni e pizza il sabato sera in un locale; mentre io, che dalla mia avevo il tempo bello dell'estate, un prato grandissimo, non ne venivo a capo.

Ed anche oggi che ho un pò di anni in più e che il giorno del mio compleanno spesso e volentieri lavoro e le ferie sono prossime, neanche così riesco a far pace con quel numerino sul calendario che segna quando sono nata.

Morale della favola, io odio il mio compleanno, ma se non siete come me, di seguito trovate la ricetta di Fabiana per il suoi muffins di compleanno.

Lei è nata il 6 maggio, e non vi dico l'anno perchè è talmente giovane da poter far venire voglia di ringhiarle contro (in senso amichevole), ma vi dico che li ha fatti per festeggiare questo giorno con i suoi compagni di classe.
A voi i conti.
E tutto ciò conferma la mia teoria che se fossi nata il 10 maggio, magari avrei festeggiato.


Per 12 muffins
 180g burro
 380g farina
 250ml latte
 200g zucchero
 1 bustina di lievito (ma alla fine segui le dosi che ti dice la bustina)
 Polvere di bacca di vaniglia a piacere (la ricetta originale diceva vanillina)
 2 uova intere
 1 tuorlo
 Punta di cucchiaino di bicarbonato
 1 pizzico di sale
  Scorza di un limone

Per la farcitura al cioccolato:
 80g di cioccolato fondente
 80ml panna

Forno ventilato 170°C per 25 minuti

FARCITURA: sciogliere il cioccolato e aggiungere la panna. Mettere il composto in stampi per il ghiaccio e far solidificare per almeno 3 ore in freezer.
MUFFINS: ammorbidire il burro e metterlo in una ciotola. Sbatterlo assieme allo zucchero e alla vaniglia. Aggiungere la scorza di limone, il sale e sbattere ancora fino ad ottenere un composto cremoso.
A parte unire il latte, le uova intere e il tuorlo e sbatterle con una forchetta.
Unire poi il composto poco alla volta e sbattendo alla crema di burro, fino ad ottenere una consistenza liscia, gonfia ed omogenea.
Unire setacciando la farina, lievito e bicarbonato, e mescolare fino a sciogliere tutti gli eventuali grumi.
Riempire per i 2/3 i pirottini e inserire il ripieno premendo leggermente. Ricoprire poi il cuore con altro impasto (oppure semplicemente ricoprirlo con l’impasto che ha intorno, forse è per questo che me ne sono venuti di più…). Non superare 1cm dal bordo altrimenti durante la cottura l’impasto gonfiandosi uscirebbe e il muffin risulterebbe piatto (con uno nella prima cottura mi è successo, ma non è morto invano: grazie a lui ho saputo che la ricetta era venuta bene).
Infornare. A cottura terminata spegnere il forno e lasciare raffreddare i muffin dentro il forno per 5minuti, con lo sportello aperto. Dopodiché estrarli e lasciarli raffreddare completamente

Torta di mele e yogurt

Oggi ospiti in cucina...ecco a voi Stefania e la sua splendida torta di mele Lascio la parola a lei: Io adoro le...